s.u.b.information

Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia e qualcuno a cui raccontarla (A.Baricco – Novecento)

7 Paesi in 30 giorni. Tappa 16: Porto (Portogallo)

A Porto anche la stazione ha gli azuleios

A Porto anche le stazioni hanno gli azuleios

Città "alte"...

Città alte…

Città "alte" di notte

Città alte by night

Tutta in salita. È questa la prima impressione su Porto. Sembra che le strade in piano qui non siano neanche concepite. L’ostello è una piacevole sorpresa: si chiama Porto Wine Hostel ed è, ovviamente, a tema Vinho do Porto. Ogni stanza ha il nome di una varietà di vino e i corridoi sono pieni di bottiglie alle pareti. In camera troviamo Stefàn, un tedesco che viaggia per 3 settimane nella penisola iberica, con solo uno zainetto che contiene un unico cambio di vestiti.

In una grande piazza (ovviamente in salita), un cartello appoggiato ad un trespolo per chitarre recita “Prendi la tua chitarra immaginaria”. Dietro ogni angolo appare una chiesetta decorata con gli azuleios, le tipiche mattonelle che colorano la città. Pasta con pomodoro e olive è il meglio che riusciamo a tirar fuori dagli scaffali di un minimarket: invitiamo Stefàn ad unirci a noi per cena. Nella semplicità di un piatto di pasta e un paio di birre, si rivela una delle cene più divertenti del viaggio. L’ingegnere tedesco fuori di testa ci offre un’ultrasottomarca di birra che però, essendo tedesca, ha comprato per patriottismo. Quando faccio per prendere la nostra SuperBock in frigo, ci dice di averla messa lui nel congelatore. Al mio “Sei un fottuto genio!” risponde “Hey, sono un ingegnere! Lì è più freddo: la metto lì!“.

Un giovane regista americano si unisce a tavola. Ci dice un paio di cose sul film a cui sta lavorando, ma non sembra molto interessante. La collaborazione spontanea nel lavare i piatti dimostra come stare in ostello aiuti la gente a conoscersi e convivere, condividendo la quotidianità. Dopo cena in un locale vicino c’è una serata del Couchsurfing. In un gruppo di conversazione con almeno 8 nazionalità diverse, il nostro nuovo compagno si dimostra ancora il più esilarante. “Aspetta aspetta aspetta… voi avete una regina?!? Da quando?!?“, detto a un’Olandese, è il top della conversazione.

Trasporti eccezionali sui treni portoghesi

Trasporti particolari sui treni portoghesi

La città è fantastica. Scale e viottoli si arrampicano sulla collina dalla foce del fiume Douro, affascinandomi ogni momento di più. Si respira nell’aria il sapore di antico, di tradizione, che si mescola all’odore delle sarde cotte in piccoli bracieri lungo il fiume, mettendomi molto più appetito degli schifosi biscotti che abbiamo comprato per colazione (che neanche i pesci a cui li abbiamo gettati hanno voluto mangiare). Saliamo sul più grande dei ponti che collegano le due parti della città. Il colosso d’acciaio su cui auto, treni e passanti attraversano il fiume, ci dà una vista incredibile. Gli strapiombi ricoperti di case danno alle rive del Douro un’aspetto irreale. Il pomeriggio di mare in un posto a 20 minuti di treno si rivela un flop. Dal sole cocente della città ci inoltriamo in una fredda nebbia che avvolge la costa in maniera spettrale.

Monumenti importanti in città

Monumenti importanti in città

La francesinha è uno dei piatti tipici. La proviamo ma non ci entusiasma per niente. Passeggiando sul lungodouro animato nel sabato sera, ci fermiamo ad una bancarella in cui si fanno braccialetti in pelle. Ne prendo uno facendoci incidere “InterRail 2013”, in ricordo di questo viaggio che sta volgendo al termine. Raggiungiamo il terrazzo del monastero che sovrasta la collina: la vista notturna è mozzafiato e mi perdo nei pensieri, stupito della strada percorsa finora. Due caipirinhe per iniziare la serata e poi ci uniamo al gruppo di ragazzi del nostro ostello. C’è da alzarsi alle 7 domattina, ma è una delle ultime serate del viaggio, c’è da viverla fino in fondo. Qualche birra e molti locali diversi, per poi trovarsi alle 5, nella cucina dell’ostello, a parlare con due tedeschi sconosciuti di viaggi, disegni e diari, scrivendo queste righe prima di addormentarmi per un paio d’ore.

Andrea Cuminatto

LEGGI QUI LA TAPPA N°1: Monaco (Germania)

LEGGI QUI LA TAPPA N°2: Bayreuth (Germania)

LEGGI QUI LA TAPPA N°3: Bruxelles (Belgio)

LEGGI QUI LA TAPPA N°4: Bruges (Beglio)

LEGGI QUI LA TAPPA N°5: Anversa (Belgio)

LEGGI QUI LA TAPPA N°6: Delft (Paesi Bassi)

LEGGI QUI LA TAPPA N°7: Rotterdam (Paesi Bassi)

LEGGI QUI LA TAPPA N°8: Amsterdam e dintorni (Paesi Bassi)

LEGGI QUI LA TAPPA N°9: Lussemburgo (Lussemburgo)

LEGGI QUI LA TAPPA N°10: Marsiglia (Francia)

LEGGI QUI LA TAPPA N°11: San Sebastiàn (Spagna)

LEGGI QUI LA TAPPA N°12: Guernica, Bermeo, Mundaka, San Juan de Gaztelugatxe (Spagna)

LEGGI QUI LA TAPPA N°13: Bilbao (Spagna) 

LEGGI QUI LA TAPPA N°14: Lisbona (Portogallo)

LEGGI QUI LA TAPPA N°15: Ericeira, Obidos, Figueira da Foz, Coimbra (Portogallo)

Annunci

2 commenti su “7 Paesi in 30 giorni. Tappa 16: Porto (Portogallo)

  1. Pingback: 7 Paesi in 30 giorni. Tappa 17: La Coruña (Spagna) | s.u.b.information

  2. Pingback: 7 Paesi in 30 giorni. Tappa 18: Barcellona (Spagna) | s.u.b.information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivio storie passate

Classifica Articoli e Pagine

Categorie articoli

Vuoi ricevere un'email quando viene pubblicato un nuovo articolo? Inserisci qui la tua email!

Segui assieme ad altri 703 follower

Visualizzazioni

  • 31,193
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: