s.u.b.information

Non sei fregato veramente finché hai da parte una buona storia e qualcuno a cui raccontarla (A.Baricco – Novecento)

Dal coma al palcoscenico: la vita in musica di Gianluca Sciortino

Gianluca Sciortino 1I lunghi capelli ricci gli danno già un’aria da palcoscenico, che si conferma quando si siede davanti al piano o quando afferra un microfono per cantare. I movimenti lenti spariscono, lo sguardo si alza fiero e parole e musica scorrono verso il pubblico sgorgando dal cuore.

Conosciuto grazie – o a causa – delle notizie di cronaca nel 1992, quando a soli 10 anni finì in un coma apparentemente irreversibile, Gianluca è adesso un cantautore e l’autore del libro “Un giorno di dicembre”, dal quale è stata tratta la fiction TV “In nome del figlio”.

È con una canzone di Antonello Venditti – racconta Gianluca – che mi sono risvegliato dopo 41 giorni dal coma in cui ero caduto in seguito a un’emorragia cerebrale. Da allora la musica mi ha accompagnato nella riabilitazione ed ha avuto un ruolo fondamentale nella mia vita.

Se oggi il giovane romano è un cantautore con il primo disco già pubblicato, e se suona agilmente il pianoforte, non è stato facile arrivare a questo punto. Quando ero in coma i medici dicevano che non mi sarei più svegliato, e dopo il miracolo del mio risveglio dicevano che avrei avuto al massimo 2 anni di miglioramenti prima di stabilizzarmi. Invece da semi-sordo, semi-cieco e paralizzato che ero quando ho riaperto gli occhi, ora dopo 20 anni continuo a migliorare. Non guido e non corro, ma mi sono diplomato, ho pubblicato un libro e compongo musica. Però ho dovuto lottare duramente per ricostruire me stesso. Il coma ha significato la fine di un’infanzia felice e l’inizio di un’adolescenza difficile.

Inizialmente musica e scrittura sono state pura evasione. Quando mi sono ripreso dal coma quelli che prima credevo amici mi avevano abbandonato, e la musica è diventata la mia migliore amica. Mi ci rifugiavo per alleviare il dolore, perché la musica era capace di arrivare dritta al cuore. Ricercavo la musica del passato per i ricordi che mi faceva tornare in mente, per nostalgia. Ora invece la musica per me non è più un rifugiarsi nel passato e un’alleviare le sofferenze ma significa futuro, è diventata per me un modo per comunicare i sentimenti e i pensieri”.

Gianluca ha pubblicato il suo album d’esordio
Gianluca Sciortino 2Un giorno di dicembre” – con lo stesso titolo del suo libro autobiografico – che contiene 6 inediti e la cover della canzone “Vivere” di Vasco Rossi. Il cantautore modenese è rimasto stupito della richiesta di Sciortino di poter incidere la cover di “Vivere”, tant’è che oltre ad autorizzarlo si è definito onorato di questa richiesta. Questa canzone, Vivere, non è solo importante per Gianluca: rappresenta la necessità che sente di esprimere giorno per giorno la voglia di vivere.

Gira nelle scuole italiane, per trasmettere ai ragazzi i valori che ha riscoperto, lottando per ritrovare me stesso. Mi rammarico – afferma ancora – nel vedere ragazzi che non hanno problemi di salute e che se li creano, ad esempio facendo uso di droghe. Io cerco di fargli capire l’importanza della vita, e lo faccio quotidianamente anche tramite il mio profilo Facebook, che è sempre aperto ai ragazzi che vogliono essere miei amici.

Gianluca Sciortino 3Ritengo importante anche con la musica – conclude Gianluca – evadere dal contesto artistico per andare sul sociale ed esprimere valori che spesso i mass media lasciano da parte: tutti parlano di crisi economica ma nessuno parla di crisi dei valori. Sentire chi mi dice che gli ho fatto venire la pelle d’oca con le mie parole mi fa capire che la mia missione è quella giusta, che la mia vita ha un senso. Prima di tutto cerco di portare la voglia di vivere, per far riscoprire ai ragazzi l’importanza di stare in salute e di accorgersi di quanto è bello vivere ogni giornata. Le droghe e gli altri sballi non hanno senso, per me il vero sballo è la musica, e come io ho ritrovato la vita nella musica, voglio far capire a tutti i giovani che possono seguire il mio esempio.

Andrea Cuminatto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivio storie passate

Classifica Articoli e Pagine

Categorie articoli

Vuoi ricevere un'email quando viene pubblicato un nuovo articolo? Inserisci qui la tua email!

Segui assieme ad altri 698 follower

Visualizzazioni

  • 29,893
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: