Il ponte del diavolo: inquietanti leggende in Toscana

Ponte del Diavolo 1Il ponte della Maddalena a Borgo a Mozzano (LU) è comunemente conosciuto come Ponte del Diavolo. Sono vari, sparsi per il mondo, gli attraversamenti con questa denominazione, solitamente dovuta alla posizione pericolosa in cui sono costruiti.

Ma non è affatto pericoloso raggiungere l’altra sponda del fiume Serchio su queste arcate medievali. Realizzato nel 1300, il famoso ponte della Garfagnana deve la diabolica accezione ad una leggenda su come venne costruito. Importante in quanto passaggio della via Francigena, doveva essere edificato in fretta. Il capomastro a cui era stata affidata la difficile opera, resosi ben presto conto che non avrebbe potuto rispettare la scadenza, scese a patti con il Diavolo: quest’ultimo avrebbe consentito di completare l’opera in una sola notte, in cambio della prima anima che avesse attraversato il ponte. Il giorno successivo, a lavori finiti, l’operaio si sentì pervadere dal rimorso per ciò che aveva fatto ed andò a confessarsi. Il parroco, ascoltata la storia, suggerì un inganno per il Demonio. Fecero attraversare il ponte da un cane, così nessuna anima umana venne rapita. Il Diavolo, infuriato, prese il cane e si gettò nel fiume. Da allora, pare che nelle sere autunnali il fantasma bianchissimo pastore maremmano sia solito passeggiare sulle antiche pietre del ponte.

Ponte del Diavolo 2Oltre a strappare un sorriso – o magari un brivido se si ascolta la storia al crepuscolo con la nebbia che sfiora le acque del Serchio – la leggenda ricorda che l’uomo è in grado di compiere opere maestose per superare gli ostacoli che trova sulla propria strada. E se a volte davvero sembra impensabile aver realizzato qualcosa di unico – tanto da attribuirlo ad opera diabolica – pensiamo che se il Diavolo si fa ingannare tanto facilmente, magari possiamo far cose grandi anche meglio di lui.

Andrea Cuminatto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.